Neve non si legge Nivea

di Isabella Poretti 

Sembra quasi una storia biblica o una favola senza lieto fine quella dell’azienda di Moncalieri, Neve Cosmetics, contro Nivea (di proprietà del colosso tedesco Beiersdorf); Davide contro Golia, Pollicino contro il gigante.

Neve è un’azienda di cosmetici biologici, amatissima da animalisti e ambientalisti, che sembra non abbracciare lo stesso pubblico dei consumatori di prodotti Nivea. Eppure, da tre anni a questa parte, la grande multinazionale ha intrapreso una battaglia legale contro l’azienda sabauda a causa di una presunta “confondibilità” del marchio, vincendo il primo grado di giudizio presso il tribunale di Milano.

Una questione etimologico-semantica ha fatto da pomo della discordia: la parola Nivea, derivante dal latino niveus/nivea/niveum che significa “bianco come la neve”, è troppo confondibile con Neve secondo i giudici.

La decisione del tribunale costringerà dunque la Neve Cosmetics a ritirare dal mercato i prodotti a marchio “Neve” e “Neve Make up”, scatenando inaspettatamente le reazioni contrariate del popolo del web che non si è lasciato convincere dalle elucubrazioni “filologiche” dei giudici.

Sono state raccolte più 4 mila firme in una petizione per convincere la Beiersdorf a rinunciare alla causa, inoltre è stato anche creato l’hashtag #iostoconneve a sostegno dell’azienda di trucchi bio. Pare quasi ridicolo l’eccessivo interessamento del colosso tedesco a Neve: le possibilità che il consumatore si confonda tra i due marchi sono davvero poche poiché l’azienda bio opera unicamente attraverso l’e-commerce o le bioprofumerie e ciò rende quasi impossibile imbattersi casualmente nei loro prodotti.

Il pubblico di Neve è molto selezionato, ricerca il marchio per la sua ecosostenibilità, per i suoi materiali naturali, senza utilizzo di petrolati o silicone (ingredienti invece onnipresenti in quelli della grande distribuzione).

La scelta del nome Neve, inoltre, è totalmente slegata dalla presunta somiglianza con Nivea come ha affermato Marco Aghem (amministratore della società sabauda) che invece ha spiegato che è «per fare riferimento alla purezza e all’unicità di ogni fiocco di neve. Quando apriamo le finestre del nostro stabilimento di Trofarello vediamo le Alpi e il nome è un omaggio anche a questo, ma non c’era nessuna volontà di sfruttare Nivea».

La multinazionale tedesca ha fatto una proverbiale figuraccia davanti a milioni di consumatori di prodotti di bellezza, offendendo la loro intelligenza e mostrando una gran coda di paglia. E voi da che parte state?

Images: copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo