Premio Internazionale di Letteratura Città di Como

di Simone Apicella

Quest’anno arriva alla terza edizione il Premio Internazionale di Letteratura Città di Como, organizzato dall’Associazione Eleuthera. La rassegna, che comprende diverse sezioni tra cui poesia, narrativa, saggistica e fotografia, premia anche gli under 30 con una esclusiva graduatoria di merito. I primi classificati di ogni sezione riceveranno un premio in denaro, e ci sarà una possibilità per le migliori poesie e racconti inediti di essere pubblicati in una delle rubriche di Opera Nuova, rivista internazionale di scritture e scrittori edita a Lugano. La scadenza del bando è fissata per il 15 maggio e la cerimonia di premiazione verrà fissata prima di settembre (l’anno scorso fu a giugno).

Nell’edizione precedente il Premio Città di Como ha riscosso un grande successo, con più di 1400 partecipazioni provenienti da tutta Italia, tanto da essere riconosciuta da Italive – la rivista di Autostrade per l’Italia – tra i migliori eventi culturali nel 2015. Il concorso quest’anno vanta nella giuria tecnica personalità d’eccezione del mondo della cultura e del giornalismo: basti citare i nomi del romanziere Andrea Vitali, che siederà alla presidenza del gruppo, e il giornalista Armando Massarenti, direttore del prestigioso inserto domenicale de Il Sole 24 ore e vincitore nella scorsa edizione del premio “Saggistica”. A fiancheggiare la giuria tecnica ci saranno anche una “giuria di lettori”, che si occuperà delle sezioni adulte della rassegna, e una speciale “giuria dei lettori dell’Università degli Studi dell’Insubria”, composta da studenti universitari e liceali di un istituto locale, che valuterà la sezione Under 30.

Estremamanete interessante è l’apertura della sezione “Videopoesia” tra le specialità del concorso, che mette in palio un premio speciale: sarà possibile inviare un filmato della durata massima di 3 minuti in cui il partecipante recita il proprio brano poetico; il video sarà successivamente inserito, con il permesso dell’autore, sul canale YouTube del Premio.

Nell’edizione 2015 la sezione “Poesia edita” è stata vinta a pari merito da due poeti. Il primo autore è Tiziano Broggiato con “Città alla fine del mondo” (Jaka Book), che il sito della rassegna descrive come “un libro pieno di amore per la vita come viaggio, avventura e abbandoni allo stupore e alla scoperta”. Sullo stesso gradino del podio la poetessa Lucrezia Lerro con “Il corollario della felicità” (Casa Editrice Stampa), “un’opera, si legge, tra le più intense e rappresentative della giovane generazione, carica di inquietudini che l’autrice riesce a esprimere e trasmettere con fermezza.

Il prestigio del Premio Città di Como si riflette anche nella rosa di nomi che quest’anno compongono il comitato d’onore: troviamo il poeta Giancarlo Majorino, al quale nella precedente edizione è stato conferito un premio alla carriera per la sua ultima opera Torme di tutto (Mondadori); Giuseppe Colangelo, prorettore dell’Università degli Studi dell’Insubria; Bruno Pizzul, il celeberrimo telecronista sportivo. Un omaggio particolare è rivolto alla poetessa milanese Alda Merini, a cui è intitolata la sezione poesia, e a Giuseppe Pontiggia, che presta il nome alla sezione narrativa. La manifestazione gode, oltre che del patrocinio della città di Como, anche di quello di Regione Lombardia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo