Il cadavere del fuoco

Vedo visi arsi da bellezze aliene,

orecchi tesi a stellari sirene,

sguardi appesi ai neri contrafforti

donde tutti gli dèi caddero morti.

 

Ma là non v’è che un baratro riverso.

Come l’amore è questo universo:

una luce fugace in lontananza

e buio, e gelo che lento s’avanza.

 

Noi, le pazze prede della speranza,

mai siamo sazi di quella pietanza.

Tutti cantiamo canzoni d’amore,

 

mentre all’intorno riecheggia l’orrore,

tutti danziamo nel nero che tace

come scintille nel cuor della brace.

 

di Ivan Ferrari

credits

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Il cadavere del fuoco”

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo