Propaganda, sport, politica: da Carnera a Mandela

Spesso lo sport è stato – e lo è tuttora – un prezioso elemento di propaganda politica e ideologica perché fa presa su quel sentimento nazional-popolare da cui la maggior parte dei cittadini è suggestionata. Non lo si può più considerare come un’ordinaria preparazione militare come avveniva qualche secolo fa, né tanto meno lo si può ridurre ad una semplice attività di svago, bensì lo sport ora ha il compito di dimostrare la validità e la supremazia di una determinata ideologia per raggiungere il più ampio consenso popolare possibile. Questo processo è possibile perché lo sport, per la sua natura volgare, è in grado di coinvolgere ed esaltare ampi e diversi gruppi sociali, di muovere passioni e sentimenti; così come sosteneva il sociologo francese Gustav Le Bon, per ottenere consenso bisogna intervenire in tutti quei settori sociali, anche i più volgari, ma che sono quelli che permettono di controllare, sottomettere e manipolare un individuo.

if-you-want-to-be-like-me

E’ interessante capire in che modo il ruolo dello sport sia cambiato e in particolar modo come gli uomini di potere se ne siano abbondantemente serviti per far valere le loro opinioni e per giustificare le loro prese di posizione. Durante il ‘900, secolo bellicoso e sanguinario, le guerre erano combattute sul campo con armi, carri armati, bombardamenti aerei e battaglie sottomarine, ma non solo: infatti guerra significava anche scontro psicologico e propagandistico, nonché lotta per il consenso. Quindi si può definire lo sport come un surrogato della guerra armata, cambiano i mezzi ma non le finalità.

Negli anni del ventennio fascista  Benito Mussolini intuì fin da subito l’importanza dell’attività fisica come strumento di propaganda politica e quindi anche come veicolo per quel “consenso autoritario di massa” sul quale aveva basato il suo regime. Con la riforma dell’istruzione varata dal Ministro Giovanni Gentile nel 1923, in accordo con il Ministro della Propaganda Galeazzo Ciano, l’educazione fisica passava sotto l’organizzazione di un organo indipendente, l’ENEF (Ente Nazionale per l’Educazione Fisica).

Tutti gli studenti italiani dovevano essere inseriti in organizzazioni giovanili, come ‘L’Opera Nazionale Balilla’, alle quali veniva affidata la totale preparazione fisica e morale dei ragazzi. Atleti come il pugile Primo Carnera – divenuto campione del mondo di pugilato tra pesi massimi nel 1933 –  dichiarò subito dopo la vittoria: “Offro questa vittoria al mondo sportivo italiano, giubilante e orgoglioso di aver mantenuto la promessa fatta al Duce”. Anche lo stesso ciclista Learco Guerra, soprannominato ‘la locomotiva umana’, dedicò molti dei suoi successi al regime e alla patria. Ma fu soprattutto il calcio lo sport che entrò a far parte di quel meccanismo attraverso cui il regime tentava di assicurarsi il consenso politico delle masse: è stato opportunamente manipolato, da semplice passatempo quale era a strumento per la costruzione di un’identità nazionale fiera e orgogliosa. Il culmine di questa politica del consenso furono i Mondiali di calcio del 1934, organizzati in Italia e vinti dalla nostra nazionale, un’altra opportunità per mostrare al mondo intero la potenza del regime fascista.

strage-monaco-72-terrorismo-palestinese-focus-on-israel

Nel corso del tempo si sono succeduti molti altri episodi degni di nota in materia di sport e propaganda politica, tra i quali possiamo ricordare le Olimpiadi di Berlino nel 1936, evento celebrativo dell’ideologia nazista ed esaltazione della razza ariana, con l’aggiunta dell’inaspettato caso di Jesse Owens, atleta statunitense di colore che vinse ben quattro medaglie d’oro nelle disciplina maestra, cioè la corsa. Durante il periodo della guerra fredda ricordiamo invece il massacro alle Olimpiadi di Monaco 1972, nel quale perse la vita l’intera squadra olimpica israeliana, oppure la protesta delle madri di Plaza de Mayo ai Mondiali di Argentina 1978 che portò all’attenzione del mondo intero la questione dei desaparecidos, favorendo in questo caso la caduta della dittatura di Videla e non il rafforzamento della sua immagine come spesso è accaduto in passato.

Lo sport però non sempre è stato usato a livello propagandistico per attirare consenso e manipolare, ma anche per unire e integrare interi popoli; questo è il caso di Nelson Mandela, leader anti-apartheid, che servendosi del rugby, sport nazionale sudafricano, ha cercato di trasmettere ad ogni suo concittadino i valori di integrazione, tolleranza e rispetto, e di fargli superare l’odio tra bianchi e neri nella speranza di unirli. Un’altra ‘operazione propagandistica’ a favore di una causa positiva, come la lotta al razzismo, è portata avanti fortemente dalla UEFA, l’organo di governo del calcio europeo, che si sta impegnando a diffondere un messaggio di tolleranza zero verso razzismo e discriminazione in favore di diversità e rispetto.

Crediti immagine: Progetto Atrium (Comune di Forlì), Guided History (Historical Research Guides by Boston University Students), focusonisrael.org

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il primo evento che celebra il digitale in tutti i suoi ambiti

13-16 maggio 2021
Esplora il calendario e partecipa gratis agli eventi online