Ghost in the Shell

È finalmente arrivato il periodo d’oro per gli appassionati di anime e manga: infatti dopo l’annunciata -e criticata- produzione Netflix di Death Note, sempre più breve è anche l’attesa per il live-action -rigorosamente americano- di Ghost in the Shell, il manga -poi film anime e videogioco- thriller poliziesco fantascientifico nato dalla penna di Shirow Masamune, al secolo Masanori Ota.

La storia è ambientata nel XXI secolo -il manga è stato scritto nel 1989- e segue le vicende dell’agente Motoko Kusanagi e della Sezione di Sicurezza Pubblica numero 9, conosciuta più semplicemente come “Sezione 9”, un’unità specializzata nella risoluzione di casi e di crimini collegati all’informatica e alla tecnologia. Infatti l’ingegneria robotica e le nano macchine hanno fatto passi da gigante, diventando sempre più pervasive e trasformandosi in quotidianità non solo nel mondo esterno, ma anche “dall’interno“: tutti gli uomini infatti sono sempre collegati alla rete, tramite degli impianti situati nel loro stesso cervello ed è sempre più labile la distanza che separa gli uomini dai cyborg -definita appunto dal Ghost, l’anima, che li divide invece nettamente dai robot comuni.

Complesso, introspettivo, accattivante, futuristico e innovativo sotto tutti i punti di vista, Ghost in the Shell è stata la storia che ha sancito non solo nella cultura manga e tra i mangaka (i fumettisti di manga), ma anche più in generale nel pensiero comune, un’enorme rivoluzione della concezione del mondo della fantascienza e in particolare di come veniva vista l’intelligenza artificiale, da nemico dell’umanità a una normale evoluzione di essa -come dice Gianmaria Tammaro qui.

Ci si aspetta molto dall’adattamento live-action hollywoodiano, soprattutto in termini di scenografia e regia -si confida che i toni rimangano fedeli ai film “originali” del 1995 e 2004 di Mamoru Oshii–  e sebbene forte è il dubbio, molta curiosità c’è anche per vedere la resa di Motoko Kusanagi o, meglio, la performance di Scarlett Johansson, assente da molto in una pellicola di cui è l’unica protagonista -tralasciando il format The Avangers della Disney Marvel, l’ultimo ruolo da one-woman show risale al 2014 con il film di Luc Besson Lucy.

Curiosità sicura ma nessuno nasconde comunque una genuina preoccupazione del whitewashing degli attori, ma non dei nomi o dei contesti -cosa invece che è stata evitata per Death Note come facciamo notare qui– che potrebbero stonare nel prodotto finale -infatti, come fa notare un utente Twitter, Scarlett Johansson è pur sempre “una donna bianca che interpreta un personaggio che si chiama Motoko”.

Non è possibile speculare più di tanto e non è possibile muovere nessuna critica -in positivo o negativo. L’unica cosa che è possibile affermare con sicurezza è che il primo trailer completo rilasciato è “beyond cool” –qui– e molto simile al primo adattamento di Mamoru Oshii.

Per la regia di Rupert Sanders, Ghost in the Shell è atteso per Marzo 2017.

 

Masamune Shirow, Paramount Pictures, DreamWorks Pictures, Ghost in the Shell, locandina, 2017

Production I.G, Mamoru Oshii, Ghost in the Shell, 1995, screen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo