TURISTI RELIGIOSI, LO SIAMO UN PO’ TUTTI

Tra i tanti motivi che spingono le persone a visitare una città, quelli religiosi di solito non mancano mai.

Non fatevi ingannare dalle apparenze, “turismo religioso” non significa necessariamente essere fanatici credenti o pellegrini alla ricerca della propria redenzione. Oggi le feste religiose sono anche un’opportunità che i turisti hanno per vivere i luoghi  attraverso un altro punto di vista, immergersi nelle più antiche e radicate tradizioni del folclore locale e partecipare a  festival e spettacoli organizzati per l’occasione.

Per il mese di novembre consigliamo la Scozia dove, il 30 novembre si festeggia il St. Andrew’s Day per commemorare Sant’Andrea, patrono della Scozia.

Le Origini Del Culto

Pescatore della Galilea, si dice che Sant’Andrea sia stato colui che ha diffuso la religione cristiana in Russia e in Grecia.Fu condannato a morte dai romani e crocifisso su una croce dalla stessa forma della bandiera scozzese, a Patrasso, in Grecia, nel 60 d.C.Il tempo passò e la leggenda vuole che un monaco, di nome Regulus, mentre era in contemplazione delle ossa di Sant’Andrea fu testimone dell’apparizione di un angelo.L’angelo gli disse di portare le reliquie nel lontano Ovest.Il monaco intraprese un viaggio lunghissimo, esponendosi a numerosi pericoli, fin quando un naufragio lo portò sulla costa orientale della Scozia, nel luogo in cui ora sorge la cittadina di St. Andrew. Fu così che Sant’Andrea divenne il patrono della Scozia.

Vi è un’ulteriore leggenda che avvalora la paternità del santo: si narra che il re Angus, scontratosi in battaglia con gli Angli e rimanendo accerchiato dalle forze nemiche, avesse pregato durante la notte rivolgendosi a Sant’Andrea. Quella notte il santo gli apparve in sogno, assicurandogli la vittoria: il giorno seguente, apparve una croce bianca in cielo, che incoraggiò i guerrieri scozzesi ed intimorì i nemici, costringendoli alla resa. Da quel giorno, la Scozia adottò il simbolo di Sant’Andrea come bandiera (una croce bianca su sfondo blu, a ricordare il cielo) .

Ancora oggi, ogni anno, il 30 novembre, si festeggia Sant’Andrea in tutto il paese, con cibo musica e balli, mentre nella cittadina di St.Andrew i festeggiamenti si prolungano per un’intera settimana.

In questo giorno viene aperto al pubblico il castello di Edimburgo, dov’è conservata la Stone of Destiny, l’enorme pietra sulla quale venivano incoronati i re scozzesi.

Un anno passa in fretta, non aspettate troppo a prenotare il vostro volo!

 

https://www.visitbritain.com/gb/en/where-celebrate-st-andrews-day-scotland

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo