Transformers Art la robotica si fa arte

I Transformers, robot antropomorfi protagonisti di cartoni animati, fumetti, videogiochi e giocattoli, approdano ora nel mondo dell’arte.

Nascosti sulla Terra sotto forma di veicoli si trasformano in macchine “senzienti”, protagonisti di mille avventure. Arrivati alla celebrità grazie alla saga cinematografica diretta da Michael Bay, sono ora riportati alla luce dall’artista Danilo Baletic. La sua passione per i fumetti l’ha portato a creare la prima di queste enormi sculture affascinanti nel 2012, nonostante la giovane età.

Danilo è un ragazzo del Montenegro, nato a Titograd nel 1992, studente della facoltà delle arti presso UDG (Università Donja Gorica) e atleta di karate.

Utilizzando rifiuti metallici recuperati dalle discariche l’artista vuole attirare l’attenzione sul tema dei rifiuti come risorsa. La stessa idea è sostenuta da Baha Fine Art di Vienna che promuove il progetto credendo fortemente nell’educazione ambientale per le generazioni future.

Nel corso degli anni l’artista ha prodotto dieci robot giganti e altri cinque sono ancora in fase di realizzazione. Tra questi Megatron, comandante dei Decepticon, antagonista principale della serie, acerrimo nemico di Optimus Prime, nonché colosso da record. Attualmente è infatti la scultura più alta costruita da un artista vivente.

Per i temi affrontati: sostenibilità della robotica, rapporto uomo-macchina, riutilizzo creativo dei materiali; l’esposizione Transformers Art non poteva che essere accolta dal Museo nazionale scienza e tecnologia Leonardo Da Vinci. Fino a lunedì 1 maggio la mostra sarà visibile al pubblico curioso. Dopo Milano i Transformers proseguiranno il loro viaggio facendo tappa prima in Danimarca e a Londra per poi dirigersi in Asia e negli Stati Uniti.

Un modo curioso e diverso di vivere l’arte, affascinante per bambini e adulti, assolutamente da non perdere!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo