Muotharti

Ho contato su di me i suoni sparsi
Di coloro che hanno scritto
E di coloro che hanno copiato
Quanto era uscito dalle mani altrui
Ma non ho visto ancora bene
Quanti sospiri, quanto disio
Sia nato dalle femminee bocche
Che non parlano. Dicono che a vizio
Di lussuria fu sì rotta chi è portatrice
Sana di vulva, come fosse un malanno,
Che Dido, Semiramis, Elena siano vissute
Da colpevoli come tutte per aver provato
E aver taciuto. Le scritture narrano della
Grande meretrice e della vergine che
Partorisce, ma solo profeti non sibille
Abitano i luoghi del Verbo, mentre
Giuditta uccide. Dhuoda chiude il volto a
Ildegarda e Roswitha è passiva
Quando Eloisa si sottomette perché
Abelardo canta soltanto di
Parìs, Tristano e più di mille altre genti
Mostrommi e nominommi a dito
L’universo del libro che ho spogliato
In questi anni, rendendolo ora nudo;
Ma più nudo appare chi non si copre
Di vestigia precise
Che recise sul campo prima di battagliare
Nemmeno fanti senza spada son rimaste.

 

 

Fonti Immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il primo evento che celebra il digitale in tutti i suoi ambiti

13-16 maggio 2021
Esplora il calendario e partecipa gratis agli eventi online