Attese

Il suono delle cicale
a nascondere il dolore.
Il giallo del sole
a consolare il sudore.
e il maestrale
tra la fitta coltre di pini
a rischiare l’azzurro;
ma la sola formica, 
a insegnarmi l’attesa.

 

La nera signora par corra senza meta 
quando sulla casta pietra bianca del muro campestre non 
si accorge dei giorni che restano e non
di quelli passati. 
La formica vive mentre attraversa 
da ciglio a ciglio
fino alla discesa, ripida e 
incessante. Poi la foglia
poi l’erba e la terra
poi il grano 
e poi altro chissà. 

 


CREDITS

Copertina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo