Soul film Pixar

Guida ai migliori film da vedere a dicembre

Le uscite di questo mese hanno messo più in crisi del solito la nostra capacità di scegliere le cose migliori da vedere. La ragione – tanto per cambiare – è la pandemia. Con la seconda ondata di coronavirus, infatti, molti dei film che avevano atteso la riapertura dei cinema hanno deciso di uscire direttamente in streaming, accumulandosi a dicembre. La questione però è che sono quasi tutti piuttosto interessanti, tanto da richiedere un articolo tutto per sé (le serie tv le trovate qui). Ci sono i nuovi film di David Fincher e George Clooney, un musical di Ryan Murphy, e un paio di curiose novità italiane. Ma soprattutto, c’è un film della Pixar che ha il compito di riscaldare questo Natale un po’ strano (e ha parecchie possibilità riuscirci).

Le novità di dicembre: 10 film da tenere d’occhio

The Gentlemen (Prime Video, 4 dicembre)

Matthew McConaughey è un americano espatriato a Londra, dove è riuscito a mettere in piedi un esteso e redditizio traffico di marijuana. Quando si diffonde la notizia che l’uomo voglia ritirarsi per sempre dagli affari e vendere l’attività ad alcuni miliardari americani, nella criminalità organizzata si attiva una serie di piani e complotti per sottrargliela. Il film è stato definito dal regista Guy Ritchie un gangster movie irriverente. Nel cast ci sono anche Colin Farrell, Charlie Hunnam, Michelle Dockery, Jeremy Strong e Hugh Grant.

Mank (Netflix, 4 dicembre)

Il nuovo film di David Fincher è probabilmente una delle uscite più attese di dicembre. Si tratta di un progetto che il regista cercava di realizzare dal 2003, girato interamente in bianco e nero, e incentrato su un pezzo importante della storia di Hollywood. Si parla infatti della vita piuttosto tormentata dello sceneggiatore Herman J. Mankiewicz, conosciuto soprattutto per aver co-scritto Quarto potere, il film di Orson Welles considerato uno dei principali capolavori cinematografici. Mankiewicz è interpretato da Gary Oldman, mentre Welles da Tom Burke. Per Fincher è il primo lungometraggio della sua collaborazione esclusiva con Netflix, e si dice possa essere tra i favoriti ai prossimi Oscar.

Sound of Metal (Prime Video, 4 dicembre)

Un batterista punk-metal con un passato da tossicodipendente inizia ad avere alcuni episodi di perdita di udito e scopre che la situazione è destinata a peggiorare. Una comunità di sordi lo aiuterà ad accettare la situazione per evitare che ricada nella dipendenza da eroina. Il film, scritto e diretto da Darius Marder (Come un tuono), è stato molto apprezzato per l’interpretazione dell’attore britannico Riz Ahmed (Venom) e per la rappresentazione poco romanticizzata della sordità.

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose (Netflix, 9 dicembre)

Una cinquantina di anni fa l’ingegnere Giorgio Rosa pensò di costruire un’isola di acciaio al largo di Rimini e proclamarla stato indipendente, con una propria lingua (l’esperanto), una moneta a parte, e nessuna legge. La vicenda, piuttosto utopica, è raccontata in questo film prodotto da Netflix e da Matteo Rovere, e scritto da Francesca Manieri (Il primo re) e Sidney Sibilia (Smetto quando voglio), che lo ha anche diretto. A interpretare l’ingegnere Rosa è Elio Germano, affiancato, tra gli altri, da Matilda De Angelis (Veloce come il vento) e Tom Wlaschiha (Il Trono di Spade).

The Prom (Netflix, 11 dicembre)

A due mesi dall’uscita di The Boys in the Band, Netflix rilascerà un altro film di Ryan Murphy tratto da un’opera teatrale di Broadway. In questo caso di tratta di The Prom, un musical del 2018 creato da Jack Viertel, con protagonista un gruppo di noti attori teatrali in declino che viaggia fino a un paesino dell’Indiana per sostenere una liceale a cui è stato vietato di portare la fidanzata al ballo della scuola. L’attrattiva maggiore del film è il cast, formato da Meryl Streep, James Corden, Nicole Kidman e Kerry Washington.

I’m Your Woman (Prime Video, 11 dicembre)

Rachel Brosnahan (la protagonista di The Marvelous Mrs. Maisel) è produttrice e interprete principale di questo thriller ambientato negli anni Settanta. Il film racconta la storia di una donna che è sposata con un ladro e conduce una vita piuttosto comoda. Almeno fino a quando il marito non tradisce i suoi complici, costringendola a darsi alla fuga con il figlio appena nato. La sceneggiatura è co-scritta dalla regista Julia Hart e dal marito Jordan Horowitz (il produttore di La La Land che nel 2017 dovette cedere l’Oscar per il miglior film, dopo l’errato annuncio di Warren Beatty).

Weekend (Prime Video, 17 dicembre)

La premessa di questo thriller italiano ha molto dello stile di Agatha Christie: una manciata di personaggi con un vecchio segreto in comune si trova rinchiusa nello stesso posto e non ha via di scampo. Qui l’occasione è una tormenta di neve, il posto è un rifugio di montagna, e i personaggi sono quattro amici che non si vedono da tempo. La loro unica possibilità di salvezza è scoprire chi di loro sia il colpevole di un ingombrante crimine passato che li lega. I protagonisti sono tutti giovani e piuttosto bravi, come Alessio Lapice (Il primo re), Filippo Scicchitano (Allacciate le cinture) e Lorenzo Zurzolo (Baby).

Ma Rainey’s Black Bottom (Netflix, 18 dicembre)

Tratto da un’opera teatrale di August Wilson, questo film è ambientato nel 1927 a Chicago e ha per protagonista Ma Rainey, una delle prime cantanti afroamericane a fare musica blues per professione. La storia segue una sessione di registrazione piuttosto agitata che non avvenne davvero, ma qui diventa il pretesto per parlare di temi molto attuali all’epoca come oggi: la libertà creativa, le tensioni razziali e quelle sessuali. Prodotto da Denzel Washington e interpretato da Viola Davis, il film è anche l’ultimo progetto a cui Chadwick Boseman ha lavorato prima di morire per un cancro al colon.

The Midnight Sky (Netflix, 23 dicembre)

Per dare una rapida idea del suo nuovo film di fantascienza, George Clooney l’ha definito una specie di unione tra Gravity e The Revenant (con il quale peraltro condivide lo sceneggiatore Mark L. Smith). La storia si basa sul romanzo La distanza tra le stelle di Lily Brooks-Dalton ed è diretta da Clooney, che ne è anche protagonista. La trama è ambientata nell’Artide, dove uno scienziato sopravvissuto a un’era glaciale deve avvisare una nave spaziale della catastrofe, per impedirgli di tornare sulla Terra.

Soul (Disney+, 25 dicembre),

Tra le uscite più attese dell’anno, il nuovo film della Pixar sarebbe dovuto uscire nei cinema a giugno e poi a novembre. Disney ha scelto infine di rilasciarlo in streaming su Disney+ il giorno di Natale, senza costi aggiuntivi per gli abbonati. Il suo protagonista è un insegnante di scuola media che sogna di diventare un musicista jazz, ma proprio quando ha l’occasione della vita incappa in un’incidente che separa la sua anima dal suo corpo. Il film è diretto da Pete Docter, lo stesso regista e sceneggiatore di Up e Inside Out.

Gli altri film in uscita a dicembre, in breve

Mulan
(Disney+, 4 dicembre)

La recente versione live-action del famoso film animato della Disney, che da dicembre diventa accessibile agli abbonati di Disney+ senza costi aggiuntivi.

10 giorni con Babbo Natale
(Prime Video, 4 dicembre)

Una commedia che vede protagonista la stessa famiglia di 10 giorni senza mamma, questa volta impegnata in un viaggio in camper verso il Polo Nord. I protagonisti sono sempre Fabio De Luigi e Valentina Lodovini, con l’aggiunta di Diego Abatantuono.

Il giardino segreto
(Prime Video, 10 dicembre)

L’adattamento del famoso romanzo di Frances Hodgson Burnett, sulla storia di una bambina orfana che scopre un giardino nascosto dove si celano alcuni segreti sulla sua famiglia. Nel cast ci sono Colin Firth e Julie Walters.

Antebellum
(Prime Video, 14 dicembre)

Un horror con protagonista Janelle Monáe, che interpreta una scrittrice afroamericana che si trova bloccata in una piantagione di schiavi della Louisiana e deve trovare il modo di fuggire.

After 2
(Prime Video, 22 dicembre)

Il secondo film tratto dai romanzi erotici della scrittrice inglese Anna Todd, che questa volta figura anche come sceneggiatrice.

Sylvie’s Love
(Prime Video, 25 dicembre)

Un film ambientato a Harlem negli anni Cinquanta, che racconta la longeva storia d’amore tra una donna e un aspirante sassofonista che lavora nel negozio di dischi del padre.

CREDITS

Copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo