Istruzioni per perdere le mani

Si prendano le estremità dei propri arti superiori, quelle con cui si toglie la sicura alle granate e si gira il caffè, le si alzi a mezz’aria di fronte a sé, ad altezza valzer diciamo, in maniera tale che le palme si guardino con una cordiale indifferenza. Si uniscano lentamente pollice e indice, quindi pollice e medio, e così via fino ad esaurire le dita. Dovreste ottenere due tulipani chiusi.

Dunque, si extraruoti di novanta gradi i boccioli e li si osservi per un ultimo, solennissimo momento. A questo punto (temporale) si scelga con lo sguardo un punto (spaziale) lontano nella finestra incorniciata dai due tulipa e non lo si fissi per nessuna ragione, cioè lo si veda ma dimenticandosi di avere una cornea e un cristallino. Una volta scelto il punto, qualora lo si mettesse inavvertitamente a fuoco, toccherebbe ricominciare la procedura da capo. Sempre vedendo-ma-non-fissando il punto scelto, si proceda con dei leggeri movimenti ritmici e sincronici dei fiori, come a volergli scrollare di dosso delle piccole api sovrappeso e trasognate. Affinché i polsi e le dita risultino molli, dettaglio essenziale per una buona riuscita del procedimento, si può immaginare di averli dimenticati per una notte intera in un bicchiere di latte. Se tutto è andato come deve, ci si renderà subito conto che i profili molleggiati ai lati del campo visivo non sono più le nostre mani, bensì quelle di qualcun altro o addirittura qualcos’altro, forse un lemure.

Ma allora la faccenda assumerà una connotazione vagamente interrogativa: se quelle mani non sono le mie mani, dove sono finite le mie? Nel tentativo di provare a rispondere a questa fondamentale domanda, numerose scuole sono state istituite, sebbene le più influenti continuino a rimanere due, e due soltanto. Secondo la Scuola di Pasadena, California, il problema va ribaltato: le mani sono sempre le tue, sei tu ad essere diventato un altro. A sentire invece la Scuola di Klagenfurt il mistero rimane, e guai a spiegarlo.

Va infine segnalato un altro modo, di più rapida ma anche incerta efficacia: quello di togliere la sicura alla granata e attendere che il futuro venga incontro come un pastore bernese. Inutile dire quanto questa soluzione sia snobbata, quando non apertamente osteggiata, da entrambe le suddette scuole.

 

CREDITS

Copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo