“Godzilla vs Kong”, il primo trailer fa impazzire i fan

La Warner Bros. ha rilasciato il primo trailer ufficiale di Godzilla vs Kong, quarto capitolo del Monsterverse creato dalla casa di produzione statunitense che ha come protagonista indiscusso il kaiju più famoso di sempre, il nostro amato lucertolone radioattivo Godzilla. Questa volta il Re dovrà vedersela con un avversario degno di nota, un altro paladino del pubblico pagante, il gorilla con la luna storta per eccellenza, King Kong. La domanda è una sola: Chi la spunterà?

Dove eravamo rimasti

Questo nuovo lungometraggio dedicato ai due mostri più celebri del mondo del cinema si preannuncia come un capitolo spartiacque. Godzilla è al terzo scontro decisivo, dopo quello in sordina contro i MUTO in Godzilla del 2014 e il successivo maestoso showdown contro la sua terribile nemesi Ghidorah in Godzilla II – King of Monsters. Il Re dei mostri si era riconfermato il difensore colossale del pianeta Terra al termine della dura lotta con Ghidorah e sembrava aver acquisito nel cuore dei cittadini terrestri uno spazietto privilegiato. D’altro canto chi non vorrebbe il caro e vecchio Godzilla come tutore della quiete nella propria ridente cittadina.  Questa volta sembra che la situazione possa essere un po’ diversa. Dalle profondità del mare il Re sta per riemergere con intenti tutt’altro che benevoli.

Nei titoli di coda del secondo capitolo di questa nuova saga si era intravista un’immagine allarmante. Antichi dipinti ritraevano nuovi scontri tra i “titani”, nome attribuito ai kaiju dalla Monarch, l’organizzazione al centro degli intrecci del Monsterverse. Tra questi si potevano chiaramente distinguere le sagome di Godzilla e Kong, uno contro l’altro. Quest’ultimo lo avevamo lasciato a Skull Island, a curarsi le ferite procurategli dal viscido Ramarak, ma stoico e libero pronto a difendere il suo dominio sull’isola. E invece ora, in questo trailer ci viene mostrato un Kong in catene, trasportato su di una portaerei da combattimento. Com’è successo?

Quello che i fan vogliono

Le immagini e i dialoghi del trailer sembrano confermare una linea narrativa che vede questa volta Godzilla come l’antagonista e Kong nei panni del difensore dell’umanità. Sarà davvero così? Anche in questo capitolo il cast sembra essere stato rinnovato quasi completamente, fatta eccezione per alcuni elementi presenti anche in Godzilla II – King of Monsters. Tra questi spicca sicuramente la presenza di Millie Bobby Brown. La ragazzina, famosa per il ruolo di Undici in Stranger Things, aveva manifestato un particolare legame con il Re dei kaiju proprio nel secondo film della saga. Un legame che aveva portato poi alla risoluzione degli enigmi riguardo i titani e delineato la figura di Godzilla come baluardo per la salvezza del mondo. Anche questa volta sembra che Millie debba salvare Godzilla da una qualche sorta di macchinazione ai suoi danni e pare essere contrapposta ad un’altra bambina, Jia, che invece è legata emotivamente a Kong.

Il trailer ha frantumato i record di visualizzazioni personali del canale Youtube di casa Warner. Basti pensare che in soli due giorni ha accumulato 28,1 milioni di visualizzazioni, pari alla somma di quelle dei trailer di Wonder Woman 1984 e The Batman. Questo fa capire quanto il pubblico attenda questo scontro epico e innalza inevitabilmente l’asticella delle aspettative. Come al solito il cast è stato ricaricato con volti noti del panorama Hollywoodiano per rimpiazzare tutti coloro che aveva partecipato con un biglietto one-shot. I pochi istanti di combattimento tra i due mostri, il dettaglio più importante di questo trailer, sembrano promettere bene.
C’è King Kong che urla, salta e utilizza macerie colossali per combattere? Si.
C’è Godzilla che spara il suo raggio atomico certificato? Si.
Ci basta questo. 5 stelle dirette di fiducia su MyMovies.

Precedenti storici

Tuttavia non bisogna pensare che questo sia il primo scontro tra i due pesi massimi dei Monster Movie. Kong e Godzilla si erano già affrontati nel lontano 1954 ne Il trionfo di Kong di Ishiro Honda. La trama era ovviamente molto semplice e coinvolgeva, come quasi sempre nell’infinita saga di Godzilla, anche altri kaiju, in questo caso si trattava del polpo gigante Oodako. Tuttavia questo film diede vita ad una delle leggende metropolitane più famose riguardo il franchise del Re delle lucertole. Secondo alcune voci Il trionfo di Kong possedeva due finali diversi per la versione occidentale e quella giapponese. Nella prima vinceva ovviamente Kong, nella seconda trionfava Godzilla. La verità è che alcuni dettagli differenti vi erano tra le due pellicole, ma nulla di così eclatante. In entrambe le versioni il vincitore era Kong, ma in quella nipponica si lasciava intendere che Godzilla fosse ancora vivo.

Una piccola curiosità a margine.
Nel 1969 in Italia arrivò inoltre un film dal titolo molto interessante per i fan del genere. King Kong contro Godzilla di Noriaki Yuasa. Il titolo parla chiaro direte. Sarà sicuramente il remake o la rivincita del primo scontro. E invece no. Il protagonista era una tartaruga zannuta di nome Gamera, alle prese con altri due mostri, Guiron e Gaos. Insomma di Kong e Godzilla nemmeno l’ombra. Non a caso il titolo originale del film era traducibile letteralmente come Gamera vs il mostro demone Guiron. Immensi punti di domanda si materializzarono nella mente dei, giustamente confusi, spettatori in sala. La risposta era una sola: Mah.

Finalmente sapremo chi è il più forte

Insomma questa faida tra titani va avanti da più di settant’anni. I fan si dividono e discutono sulla forza dei due kaiju ormai da sempre. Non ci si aspetta grandi sviluppi di trama o inutili sentimentalismi. Vogliamo solo vederli combattere in libertà e distruggere tutto senza freni. Il regista Adam Wingard ha assicurato che non ci saranno fraintendimenti o finali sospesi. Questa volta ci sarà un vincitore. Sarà il re delle scimmie o il lucertolone radioattivo? Kong o Godzilla?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo