mastrojeni

Secondo webinar dello Sbuffo: il nostro ospite sarà Grammenos Mastrojeni

Giovedì 3 giugno 2021, alle ore 21, avrà luogo il secondo webinar dello Sbuffo: il tema della serata sarà la sostenibilità ambientale e le sue connessioni con il nostro benessere. Il ciclo di webinar organizzato dallo Sbuffo è iniziato nel mese di aprile, con la presenza dello storico Carlo Greppi. Si tratta di una serie di incontri nei quali, con la collaborazione di preziosi ospiti, analizziamo tematiche da sempre care al nostro giornale, quali i diritti delle minoranze, le discriminazioni sociali, l’ambiente, l’antifascismo e alcuni temi caldi d’attualità.

Il secondo webinar, dal titolo “Solo la tua felicità può salvare il pianeta – l’equivalenza fra sostenibilità e benessere” potrà vantare la presenza di Grammenos Mastrojeni, diplomatico italiano ed esperto di tutela ambientale. Il professore approfondirà la tematica della sostenibilità e della sua relazione con la nostra vita quotidiana, in particolare con il nostro benessere. Il webinar si svolgerà online, sulla piattaforma Zoom e contemporaneamente in diretta su Facebook: per partecipare vi basterà compilare il form che trovate alla fine di questo articolo.

Conoscete già Grammenos Mastrojeni?

Il nostro secondo ospite ha intrapreso una riflessione sui legami tra tutela dell’ambiente e benessere sociale fin dagli anni Novanta. Il suo primo articolo sul tema risale infatti al 1994. Grammenos Mastrojeni è un professore universitario che ha insegnato Soluzione dei conflitti in diversi atenei, sia nel nostro Paese, sia all’estero. Ha inoltre collaborato con la Ottawa University in Canada, che gli ha affidato la cattedra in Ambiente, risorse e geostrategia.

È noto anche per essere autore di numerosi libri dedicati alla tematica ambientale: la sua prima monografia, pubblicata nel 2002, è intitolata Il ciclo indissolubile. Pace, ambiente, sviluppo e libertà nell’equilibrio globale. Recentemente si è occupato anche del legame tra cambiamenti climatici e migrazioni climatiche: ne parla nel suo libro Effetto serra-effetto guerra, edito nel 2017 e scritto con la collaborazione di Antonello Pasini.

Già coordinatore per l’ambiente della Cooperazione allo sviluppo, dal 2019 Grammenos Mastrojeni è vicesegretario aggiunto dell’Unione per il Mediterraneo, con sede a Barcellona. L’Unione per il Mediterraneo è un’organizzazione che promuove la cooperazione tra i vari Paesi del Mediterraneo, per favorire lo sviluppo umano, l’integrazione e la sicurezza in queste regioni.

 

Inoltre, collabora con il Climate Reality Project, un’iniziativa lanciata dal premio Nobel Al Gore volta a diffondere la consapevolezza dei rischi legati al cambiamento climatico, che coinvolge scienziati, attivisti e intellettuali. Ha partecipato ai principali negoziati internazionali sul clima, la biodiversità, l’acqua e gli oceani.

Tutela dell’ambiente e società: un legame molto stretto

Grammenos Mastrojeni è convinto che vi sia una forte connessione tra la sostenibilità ambientale e la pace. In un intervento per TedxTalks, il professore sottolinea le inevitabili ripercussioni dell’innalzamento delle acque nel mar Mediterraneo, che costituisce la regione del mondo nella quale il riscaldamento sta avvenendo più velocemente. Gli esiti di questo fenomeno saranno molto gravi non solo per le città di mare come Venezia, ma ancor di più per tutti quei territori che andranno incontro a un graduale processo di desertificazione, dovuta all’alto tasso di sale contenuto nelle acque marine.

Mastrojeni ribadisce dunque qualcosa che forse oggi tutti già sappiamo (ma non per questo ammettiamo): non si può combattere il cambiamento climatico da soli. La collaborazione tra i Paesi e le popolazioni, sia interni al Mediterraneo sia esterni, potrà favorire uno scambio di conoscenze vantaggioso e reciproco. Del resto, come spiega il professore, solo i Paesi molto caldi, dove le persone convivono quotidianamente con altissime temperature, possono insegnare all’Europa come affrontare la desertificazione.

Perché è un webinar da non perdere

Si parla spesso di sostenibilità: ma ciò che conta davvero è soprattutto chi, come e perché lo fa. Giovedì avremo la possibilità di porre delle domande a un vero esperto dell’argomento, che da decenni si occupa di incentivare il cambiamento sostenibile, anche attraverso le piccole azioni quotidiane, come testimoniato dal suo ultimo libro, Effetti farfalla: 5 scelte di felicità per salvare il pianeta.

I legami tra la tutela dell’ambiente in cui viviamo e la nostra quotidianità forse sono più forti di quanto crederemmo. Ogni nostra azione ha degli esiti, i quali avranno un impatto sull’ambiente in cui viviamo. Questo potrà provocare dei mutamenti, spesso per via indiretta, anche in altri luoghi: le interconnessioni, specialmente nel mondo attuale, sono davvero numerosissime. Sono questi gli effetti farfalla di cui parla Mastrojeni.

D’altra parte, è interessante notare il fatto che di frequente le azioni che aiutano l’ambiente (come, ad esempio, prendere la bicicletta anziché l’automobile), fanno bene anche a noi stessi (l’attività fisica e i suoi innumerevoli vantaggi, l’aria fresca da cui traggono beneficio i nostri polmoni…). Mastrojeni illustrerà questi legami, e ci parlerà delle ragioni per cui la sostenibilità può avere un impatto positivo sul nostro benessere.

Siamo onorati di avere il Professor Mastrojeni come ospite al nostro secondo webinar. Per partecipare all’evento sulla piattaforma Zoom è sufficiente compilare il seguente form entro il 2 giugno. Vi aspettiamo numerosi giovedì 3 giugno alle 21. Non perdete quest’occasione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo