GLASTONBURY 2016

di Federica Trucchia

 

Da Adele al tributo a David Bowie; tra pioggia, fango, referendum e soprattutto tanta musica.

È tempo di Glasto! Mancano pochi giorni all’inizio di uno dei festival più attesi di tutta la stagione; dal 22 al 26 giugno, l’evento inglese, apre ancora una volta i suoi cancelli e attende nella storica Worthy Farm più di 150.000 appassionati di musica.

Il Glastonbury Festival si svolge ogni anno nell’ultima settimana di giugno a Pilton, come da tradizione, a circa 10 km da Glastonbury, nel Somerset. È un evento storico, legato soprattutto alla famiglia che l’ha creato e in particolar modo a Michael Eavis; l’organizzatore della prima edizione presso la Worthy Farm, nel 1970. Un evento memorabile, che ospitò 1.500 persone, una sterlina il costo del biglietto e come headliner i T.Rex.

Gli headliner di quest’anno sono i Muse, Adele e i Coldplay, spetta proprio a loro l’arduo compito di chiudere il festival nel week end, sul Pyramid Stage. Per il gruppo di Chris Martin e compagni, si tratta della quarta volta sul palco del Glasto; indiscrezioni, trapelate dal quotidiano The Sun, affermano che, potrebbe esibirsi con loro Rihanna! La cantante ha infatti in programma una data al Wembley Stadium di Londra il 24 giugno, e coinciderebbe perfettamente con l’esibizione del gruppo, prevista il 26. Non resta che aspettare!

Nel frattempo i Coldplay, sono in testa a tutte le classifiche con il nuovo singolo Up & Up, il cui giro di chitarra finale è stato scritto da un genio assoluto di nome Noel Gallagher… non sia mai che si presentasse anche lui domenica, sul palco assieme a loro. Inoltre, sono impegnati nel tour mondiale, che purtroppo non prevede date italiane; a differenza dell’Anti World Tour di Rihanna, la quale si esibirà al PalaAlpitour di Torino l’11 luglio e allo Stadio San Siro di Milano, il 13 luglio. Nonostante i prezzi folli, sono due show assolutamente da non perdere!

 

 

Le lineup del Glasto possono vantare, da sempre, nomi pazzeschi del panorama musicale internazionale e, anche quest’anno, i personaggi non sono certo da meno. Tra gli artisti che si esibiranno al Pyramid Stage e gli altri palchi, vi sono: Foals, Beck, Disclosure, New Order, Earth Wind & Fire, The Last Shadow Puppets, Ellie Goulding, The 1975, Sigur Ros, Carl Cox, Wolf Alice, Fatboy Slim e tantissimi altri.

 

Tra i gruppi presenti al festival organizzato dalla famiglia Eavis, è presente nella lineup anche una band italiana: The Sweet Life Society. Il gruppo di Torino, torna sul palco del Glasto, uno dei più importanti festival al mondo, per la seconda volta dopo l’edizione del 2014. Quest’anno i Sweet Life suoneranno per ben due giorni, il 24 giugno allo SHITV, ma soprattutto il 25 giugno presso l’Hell Stage, nello storico Shangri La District. Non è l’unica esperienza estiva del gruppo; chi non riuscisse a goderseli sotto la pioggia del Glastonbury, ha la possibilità di vederli al Flowers Festival di Collegno, a Torino. Un altro progetto a cui la band sta lavorando, tra un live e l’altro, si tratta della soundtrack originale del film Brutti e Cattivi, pellicola di Cosimo Gomez, che uscirà nelle sale il prossimo natale, con Claudio Santamaria e Marco D’amore.

Nello Shangri La District del Glastonbury, quest’anno sarà allestita inoltre una una club – house, interamente dedicata alle donne, novità assoluta dell’edizione 2016. Sarà un’area destinata alla discussione di temi di genere: dalla disparità degli stipendi alla violenza domestica. È la prima volta in cui il festival inglese, ospita il progetto Sisterhood, dedicato appunto alle donne e a chi si identifica come tale.

Sempre sul palco della Shangri La Area, è imperdibile l’esibizione di Mark Ronson con Kevin Parker dei Tame Impala; il singolo dj set vale il costo del biglietto.

 

 

Il caso ha voluto, che il referendum Brexit, coincidesse con il festival! La campagna referendaria sulla permanenza o sull’eventuale uscita dall’Unione Europea della Gran Bretagna; il voto è previsto per giovedì 23 giugno, ma la commissione elettorale ha confermato in questi giorni che non sarà possibile avere all’interno del Festival delle postazioni di voto. Comunque, è assolutamente possibile votare: per i fortunati possessori del biglietto del Glasto, basta registrarsi al sito elettorale o nominare un proxy voter, assegnando ovvero la delega a una persona fidata, che si presenti al seggio.

Immancabile l’omaggio a David Bowie! Sarà infatti proiettato su un maxi schermo, l’intero concerto che il Duca Bianco fece come headliner nell’edizione del 2000, durante il primo allestimento dell’ormai storico Pyramid Stage, emblema della Worthy Farm. Sarà allestita inoltre una gigantesca scultura di metallo a forma di fulmine, ricordando la memorabile copertina di Aladdin Sane, album del 1973. Infine, sabato 25 giugno sul Park Stage, si terrà un altro grande omaggio alla carriera e all’arte del genio assoluto di Brixton, scomparso il 10 gennaio di quest’anno; consisterà nella performance della Heroes Symphony, orchestra composta nel 1996 da Philip Glass e ispirata all’album Heroes di Bowie.

Non sono ancora invece trapelate indiscrezioni riguardo al ricordo di un altro grande personaggio, scomparso sempre quest’anno: Prince! Ma senz’altro gli organizzatori del GLASTONBURY 2016, sapranno sorprenderci.

Non resta che preparare i propri stivali Hunter e godersi lo spettacolo!


 

Video www.youtube.com

copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo