Una vita Fuoristrada.

 

Nonostante i molti progetti e le aspettative, la vita rimarrà sempre imprevedibile e non procederà mai completamente sulla strada che avevamo pensato di percorrere, ma prenderà deviazioni e ci porrà davanti a dei bivi. “Fuoristrada”, documentario ed opera prima di Elisa Amoruso, esemplifica perfettamente i percorsi tortuosi a cui i destini sono costretti.

Giuseppe Della Pelle è un meccanico che lavora e vive a Roma, nel quartiere San Giovanni. È un appassionato di rally e campione, il suo nomignolo quando scende in pista è “Girello” per via delle sue abilità alla guida. Giuseppe, detto Pino, un giorno deciderà che quella non è la vita che fa per lui, o meglio è la vita che fa per lui, ma vorrebbe essere una lei, Beatrice. Si vestirà da donna, assumerà ormoni e continuerà a fare quello che ha sempre fatto e ad occuparsi della sua passione: i motori.

Nella vita di Beatrice, transgender coraggiosa, entrerà a far parte anche Marianna, la badante rumena che si occupa di sua madre. Tra di loro è amore a prima vista e Marianna non si farà intimidire, non si allontanerà da Pino per questa sua scelta, anzi, necessità, ma lo supporterà in tutto e per tutto fino a diventare sua copilota nelle gare di rally. Beatrice legherà molto anche con Daniele, figlio di Marianna, fino a ricoprire un ruolo più importante del padre naturale, da cui la madre è scappata dopo le violenze subite.

Una storia di questo tipo non ce la saremmo mai aspettata ambientata in Italia, in una borgata, eppure è così; questa storia è italiana e vera, perchè questo documentario, senza prendere una posizione e senza chiedere allo spettatore di prenderne una, entra nel quotidiano di questa famiglia diversa dalle solite, non convenzionale, ma che ha tutti i requisiti, tra cui l’amore il più importante.

In questo cinema della realtà che ormai allo spettatore piace perchè indaga nel quotidiano del vicino di casa e riesce a trovarne delle curiosità, lo sguardo della regista Elisa Amoruso rimane quasi muto, riporta la verità così come le appare davanti alla telecamera e senza interventi esterni, Deus ex machina o sotterfugi.

Infine, come nelle storie più convenzionali possibili, ci sarà un matrimonio. Beatrice e Marianna si sposeranno, dato che all’anagrafe risulta ancora come Giuseppe Della Pelle, ed in abito rosa, da favola Disney, coroneranno il loro sogno d’amore.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo