Vanessa Beecroft e le sue grandi polaroid

Dal 24 al 29 novembre negli appartamenti del principe, organizzata da Vogue in occasione del primo PhotoVogue Festival italiano e il Comune di Milano, al Palazzo Reale di Milano, sono state esposte le polaroid di Vanessa Beecroft, “Polaroids 1993-2016

Vanessa Beecroft
Vanessa Beecroft

Un’artista che basa principalmente le sue opere sulla performance, cercando di ricreare quadri viventi tramite coreografie, musiche e luci di sottofondo, molte di queste sono state realizzate in Italia, specialmente a Milano, dovuto anche dal fatto che Vanessa ha vissuto per molto tempo nel nostro bel paese e si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera.

La mostra è un percorso visivo composto da una raccolta di polaroid di grandi dimensioni, appese alle pareti antiche, creano un allestimento particolare e seducente. Le protagoniste sono le donne e il loro corpo esse attirano l’attenzione del visitatore con gli sguardi magnetici, la giovinezza, l’eleganza e un senso di stranezza.

Una ricerca sull’identità femminile, attraverso una riflessione sui temi dello sguardo, del desiderio e dell’alienazione; la donna ritratta nelle polaroid, o meglio il copro della donna, ingrandito, mostrato,    esaltato, per far capire agli spettatori, di entrambi i sessi, che nella nostra società il corpo di una  donna è visto come oggetto sessuale.

Vanessa Beecroft, Palazzo Reale 2016, Milano, "Polaroids 1993-2016"
Vanessa Beecroft, Palazzo Reale 2016, Milano, “Polaroids 1993-2016”
Vanessa Beecroft, Palazzo Reale 2016, Milano, "Polaroids 1993-2016"
Vanessa Beecroft, Palazzo Reale 2016, Milano, “Polaroids 1993-2016”

 

La Beecroft si pone lo scopo di portare lo spettatore ad una riflessione sulla questione della fisicità, sulla perdita del connotato fisico, ovvero, non un corpo che produce piacere, ma un corpo esposto che produce arte. L’obiettivo è il ribaltamento della visione del nudo femmineo, ridefinendo lo sguardo femminile della donna nei confronti di un’altra donna, inserendosi così in una nuova tipologia di artiste, femministe e contemporanee.

Un’arte che con una valenza sociale molto forte, una mostra che ci fa conoscere donne colorate di bianco, oro, nero, blu, tra ingrandimenti e nudità velate un’arte nell’arte che lascia lo spettatore sbigottito ma anche molto incuriosito.

Vanessa Beecroft, Palazzo Reale 2016, Milano, "Polaroids 1993-2016"
Vanessa Beecroft, Palazzo Reale 2016, Milano, “Polaroids 1993-2016”
Vanessa Beecroft, Palazzo Reale 2016, Milano, "Polaroids 1993-2016"
Vanessa Beecroft, Palazzo Reale 2016, Milano, “Polaroids 1993-2016”

CREDITS

Copertina (Foto dell’autrice)

Immagine 1(Foto dell’autrice)

Immagine 2 (Foto dell’autrice)

Immagine 3 (Foto dell’autrice)

Immagine 4 (Foto dell’autrice)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo