Perché la connessione wi-fi del treno salta?

Mi capita spesso di viaggiare sui treni ad alta velocità. Sulle tratte di lunghezza media di solito li preferisco all’aereo perché il tempo per arrivare da un centro cittadino all’altro è lo stesso, ma sul treno è più facile impiegarlo in modo costruttivo poiché si rimane comodamente seduti al proprio posto dall’inizio alla fine del viaggio. Una delle attività che svolgo in queste occasioni è proprio la stesura di articoli come questo che state leggendo, un’attività che si fa (in genere) seduti che però richiede l’utilizzo di due strumenti del mestiere: un computer e una connessione ad internet decente per poter gestire la piattaforma web su cui è ospitato losbuffo.com. L’ispirazione per questo articolo è arrivata proprio durante uno di questi viaggi, mentre provavo a caricare un articolo. Con il wi-fi del treno che non collaborava.

Per chi non lo sapesse, il servizio internet in wi-fi offerto a bordo dei treni non funziona sempre benissimo. Spesso la connessione risulta particolarmente lenta e in alcuni casi è impossibile connettersi con i propri dispositivi. Ciò accade soprattutto nella tratta tra Bologna e Firenze, quasi tutta in galleria, ma questo problema è frequente un po’ ovunque, anche all’estero.

I treni che offrono questo tipo di servizio si collegano al segnale normalmente utilizzato dai telefoni cellulari tramite dei router che provvedono a distribuire il segnale nelle varie carrozze tramite degli hotspot. Se tutto ciò avviene quando il treno è fermo nella stazione di una grande città di solito la connessione è stabile  e i passeggeri riescono a connettersi ad internet senza grandi problemi.

Quando il treno è in movimento, invece, iniziano le difficoltà. Il problema principale è che la rete cellulare non copre tutto il territorio del Paese; pensate infatti che nelle aree rurali solo il 20% della superficie è coperto e quindi anche se il vostro dispositivo è connesso in modo ottimale all’hotspot (avete tutte le tacche) non è detto che il router riesca a captare il segnale. L’altro grande problema è la velocità di crociera dei treni ad alta velocità. Questi infatti raggiungono i 300 km/h e a queste velocità i cambi di cella sono molto frequenti, ciò vuol dire  che più volte al minuto tutte le connessioni devono essere spostate da una cella all’altra e nello spostamento è molto facile che il segnale salti.

La soluzione a questi problemi non è facilissima e probabilmente non sarà disponibile in tempi brevi, nel frattempo, se avete bisogno di una connessione stabile durante un viaggio vi conviene utilizzare la funzione Hotspot del vostro smartphone. In questo caso infatti sarete gli unici connessi alla rete e avrete tutta la banda a disposizione solo per voi, non dimenticate però mettere in carica il vostro smartphone poiché il cambio celle continuo costringe il telefono alla continua ricerca della rete a discapito della durata della batteria.

Images: copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il primo evento che celebra il digitale in tutti i suoi ambiti

13-16 maggio 2021
Esplora il calendario e partecipa gratis agli eventi online