Prontuario semiserio di conquista amorosa su esempi cinematografici

La stagione fredda è ormai giunta e ha ricacciato i bollenti spiriti di ognuno di noi sotto una copertina di pile, cullandoli nel torpore fino a farli cadere in letargo: arrivederci notti all’aperto brulicanti di interazioni sociali, bentornata vita pantofolaia nel calduccio di casa.
Approfittiamo dunque della lucidità riacquistata per un’analisi critica degli imbarazzanti tentativi di rimorchio in cui anche quest’anno voi -perché noi siamo tutti charmeur invincibili- avete miseramente fallito. E dal momento che vi aspettano lunghi mesi di serate in solitaria davanti alla tv, tanto vale rimanere produttivi: prendete appunti dal divano e provate la lezione allo specchio concedendovi tutto il tempo possibile, prima che il disgelo torni a sciogliere i vostri ormoni. Noi Casanova siamo qui per proporvi tre metodi di conquista impartiti da sei maestri di seduzione che potrete consultare da ogni schermo a disposizione. Attenzione agli spoiler!

1. PROVOCARE
Per lei: diamo la precedenza alle signore come si suol nel galateo. La visione consigliata per apprendere la raffinata arte della provocazione è Birdman – o (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza). Il tormentato personaggio di Sam sottopone l’attore Mike a un raffinato quanto invadente “obbligo o verità”: il gioco insiste a tirar fuori autenticità da un uomo che nella propria vita è solo capace di fingere, e l’addentrarsi in una selva di confidenze sempre più intime riesce ad essere romantico e crudo assieme, leggero e profondo. È un attimo perdere l’equilibrio su questo filo e piombare nell’abisso della molesta impicciona, ma confidiamo che uscirete da questo inverno esprimendovi meglio di una sceneggiatura di Iñárritu.

Per lui: Grindhouse – A prova di morte è un esempio da seguire a momenti alterni per il protagonista Stuntman Mike. Bene offrire un passaggio a una ragazza sola che cerca uno strappo a casa, non bene farla accomodare sul lato non protetto di una macchina a prova di morte. Bene limitarsi ad acqua tonica e virgin drink quando si deve guidare, non bene andarsi volontariamente a schiantare contro un’auto in corsa. Tuttavia la scena della recita di Stopping by woods on a snowy evening è un luminoso e spettacolare esempio di conquista: signori, datele della “cacasotto” e acconsentirà addirittura a farvi una lap dance. Parola di Tarantino.

2. MENTIRE
Per lei: Mean Girls è una pietra miliare che non potevamo non considerare per il pubblico femminile. Sappiamo tutte che alla fine Aaron sceglie di stare con Cady perché è tornata ad essere una matleta e ha ritrovato se stessa e si è riappacificata con Janis e Damien AKA “quasi troppo frocio per essere vero”. Ma è innegabile che Cady sia riuscita a stabilire il primo contatto con Aaron mentendo: o meglio, facendo finta di non capire un esercizio di matematica. E proseguendo a spacciarsi per una che a mala pena sa contare con le dita. Insomma, una regola che potrebbe essere riassunta nel classico “non essere te stesso”.

Per lui: Tutti pazzi per Mary offre una notevole rosa di scelte per i maschietti. Potete essere Ted, tanto dolce ma così insicuro da assumere un investigatore privato per saperne di più sulla vostra bella. Oppure Pat, l’investigatore che butta nel cesso la propria etica professionale per provarci con l’indagata, nascondendole il proprio lavoro assieme agli svariati omicidi commessi in passato. O ancora Woogie, che reprime i propri sentimenti fino a farsi uscire le bolle. O magari armatevi di stampelle e fingetevi disabili come Tucker. Di sicuro attirerete la di lei attenzione.

3. FARE QUALCOSA DI BELLO
Per lei: Sweeney Todd ci offre un tentativo di conquista quantomai toccante nel personaggio di Mrs. Lovett. Quale gesto più notevole dell’essere complice nei crudi sgozzamenti che il vostro oggetto dei desideri pratica sui suoi clienti? Come distinguersi più tra le altre, se non aiutandolo a disfarsi dei corpi facendoli a pezzetti e occultandoli nei vostri deliziosi pasticci di carne?

Per lui: The Terminal rende noto e porta sulla scena il magnifico dono che Napoleone fece realizzare per la sua Giuseppina. Voi però non siete personalità tanto somme da meritarvi le parole del Cinque Maggio, e probabilmente neanche tanto ricche da permettervi di commissionare ad altri l’edificazione del medesimo progetto: vi tocca rimboccarvi le maniche come Tom Hanks e costruire la vostra occasione con calce e vetro. Quale ragazza non è sensibile al fascino del muratore?

 

Tuttavia, sia Mrs. Lovett sia Tom Hanks non escono vincenti dal loro tentativo di conquista, a differenza dei personaggi precedentemente menzionati. La lezione? Uscire la prossima estate e tentare di fare addirittura meglio di loro. Sarà meno facile di provocare o mentire, ma diventerete dei Napoleone. Che è tutto sommato un soddisfacente ideale di conquistatore.

CREDITS

Copertina

Immagine 1

Immagine 2

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo