Know Your Villain #2: IT

Io sono Pennywise, il clown ballerino!

It“, anche nota come “il clown Pennywise”, è una entità demoniaca presente nell’omonimo romanzo di Stephen King e nelle due produzioni cinematografiche del 1990 e del 2017. Si tratta di una delle creature più misteriose del mondo horror, tanto da non essere mai stata identificata correttamente. Il demone proverrebbe dai “Pozzi Neri”, una sorta di prigione elementale posta ai confini del Macroverso, realtà soprannaturale in cui vive anche un’altra entità benevola, nota come la “Tartaruga”.
Generalmente priva di forma, nella miniserie del 1990 “It” fu rappresentata ufficialmente come una sorta di ragno malevolo, ma questa forma non fu accolta nel remake del 2017, lasciando piuttosto allo spettatore libero arbitrio sulla figura del demone.

Trasferitosi sulla Terra milioni di anni prima dell’avvento dell’uomo, “It” trascorre la maggior parte della sua esistenza in una sorta di letargo, risvegliandosi ogni 27 anni per nurtrirsi. Nel libro di Stephen King, il demone prende le sembianze di un clown chiamato Pennywise che dimora nelle fogne della cittadina di Derry. Dal punto di vista geografico, Derry è il punto esatto in cui “It” precipitò milioni di anni orsono; da allora la comunità fu sconvolta per secoli dalle inspiegabili sparizioni di bambini.

La scelta del demone di attaccare i piccoli umani non è casuale: per sopravvivere nel mondo reale, “It” ha bisogno che qualcuno creda nella sua esistenza e, in particolare, è necessario aver paura di lei; per questo motivo assume sembianze classiche, tra cui quella del pagliaccio Pennywise, con le quali convince gli infanti a seguirlo, prima di catturarli e divorarli.
Il caso più famoso è quello di Georgie e della sua barca di carta, caduta nella fognatura di Derry: con una serie di illusioni e stratagemmi, Pennywise riesce a farlo avvicinare prima di staccargli di netto un braccio e di trascinarlo nel sottosuolo.

Alla sua ricerca partono diversi giovani della comunità, tutti provenienti da famiglie turbolente; il cosiddetto “club dei Perdenti” è composto da ragazzini con diversi problemi, dalla balbuzie all’ipocondria, soggetti che tipicamente vivono col terrore dei bulli. Ciò che accomuna maggiormente i Perdenti è che ciascuno di loro è stato singolarmente attaccato da “It”.
Pennywise sfrutta le paure individuali di ciascuno di loro per manifestarsi, opportunamente trasformato, scatenando il loro terrore in modo da poter continuare a perseguitarli. Grazie al loro coraggio ed a una notevole quantità di sofferenza e spavento, i Perdenti riescono infine a vincere il loro timore verso il clown, assalendolo direttamente nella sua tana.
Terrorizzato all’idea di non avere più paure di cui nutrirsi, Pennywise fugge attraverso un buco poco prima di venire distrutto, tornando nel suo sonno millenario.

Essendo un’entità paranormale, “It” non può venire eliminata in maniera definitiva; se privata del nutrimento può essere bandita nuovamente nei Pozzi Neri dai quali riemerge, in ogni caso, dopo 27 anni di sonno. La forma fisica di Pennywise non sembra una scelta casuale, anzi: per alcuni, trattandosi di un pagliaccio, è una forma ritenuta benevola specialmente per i bambini, e questo spiegherebbe la connessione tra il clown e la sparizione degli infanti; per altri, Pennywise è semplicemente la forma più divertente per “It” quando si tratta di tormentare le persone. Può inoltre assumere qualunque altra forma, sia essa la donna di un quadro o una persona esistente; è inoltre capace di manipolare l’ambiente circostante a proprio vantaggio per terrorizzare i bambini.
Il demone può sopravvivere a qualsiasi tipo di ferita, ma non è invulnerabile: un colpo diretto alla testa, unito ad una buona dose di coraggio, è capace di stordire temporaneamente l’entità mostrandone però il lato più mostruoso e aggressivo, dovuto principalmente alla rabbia. Eventualmente però, sia per i colpi subiti sia per l’assenza di paura, “It” può essere sopraffatta e allontanata dal mondo umano.

Non è chiaro cosa succeda alle vittime di “It”; secondo la pellicola alcuni bambini scomparsi vengono fatti a pezzi e divorati, mentre altri vengono posti in una sorta di “stasi“, galleggiando a mezz’aria.

FONTI

WIkipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo