Una sera

Le porte chiuse immuriscono,

di sé lo specchio non sa che farsene.

E se l’acqua sapesse dove andare

credi davvero che starebbe nel castigo

del bicchiere?

Usa.

Le cose si aggiustano usandole.

 

Gli imperi si sgretolano

sotto lo sguardo dei topografi,

i circhi muoiono ogni notte

in un silenzio

di fumo e tigri e digiuni.

 

È sempre intasato il cesso

finché non ci passi attraverso.

La poesia

pure.

Usala,

usa tutto.


CREDITS

Copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo