Anthony Hopkins e la capacità di continuare a stupire

Reduce recentemente dall’assegnazione del riconoscimento come Miglior attore protagonista ai BAFTA 2021 per The Father, Anthony Hopkins è una delle personalità più interessanti del panorama cinematografico internazionale. Nel corso della sua carriera, ha portato in scena alcuni dei personaggi più iconici e complessi di pellicole rimaste nella memoria del cinema. Questo lo ha consacrato nel passato come attore talentuoso e oggi è ancora in grado di regalare interpretazioni sorprendenti

La formazione

Anthony Hopkins nasce nel 1937 a Margam, in Galles, da una famiglia ben lontana dal mondo dello spettacolo. Il suo atteggiamento estremamente timido e riservato caratterizza il periodo dell’infanzia e trova nella recitazione una strada percorribile per modellare il suo comportamento. Inizialmente frequenta il Royal Welsh College of Music and Drama a Cardiff, per poi trasferirsi alla Royal Academy of Dramatic Art di Londra, in cui incontra Laurence Olivier. Sarà quest’ultimo ad offrirgli nel 1965 un posto all’interno del Royal National Theatre, da cui poi prenderà il via la sua carriera artistica. Nonostante le origini distanti da questo mondo, fin da giovane Hopkins fa della recitazione la sua passione e il tassello fondamentale per la sua crescita, seguendo un percorso di formazione di alto livello già dai suoi inizi.

Tv e cinema

Dopo un percorso di apprendimento legato principalmente al mondo del teatro, Hopkins ottiene i primi ruoli per il grande e il piccolo schermo. Nel 1968, interpreta Riccardo Cuor di Leone all’interno de Il Leone d’Inverno, una pellicola che, grazie alla calorosa accoglienza ricevuta, dà a Hopkins la possibilità di centrare i primi obiettivi del suo lungo percorso professionale. Questo gli permette, pochi anni dopo, di ottenere ruoli oltreoceano, affermando la sua bravura a livello internazionale. Nel 1980 partecipa a The Elephant Man e nel 1984 prende parte nel ruolo del Capitano Bligh a Il Bounty.

La conferma

All’inizio degli anni Novanta la carriera di Hopkins appare ormai ufficialmente avviata: la conferma arriva con la sua scelta per il ruolo di Hannibal Lecter ne Il silenzio degli innocenti, considerata ancora oggi la sua interpretazione di maggior successo. L’approvazione per resa della parte affidatagli trova ulteriore appoggio ai premi Oscar del 1992: Il silenzio degli innocenti è una delle pellicole protagoniste della cerimonia e Hopkins ottiene la statuetta per il Miglior attore protagonista

Carrellata

Nel corso degli Anni Novanta, Anthony Hopkins partecipa a moltissimi lavori cinematografici, inanellando un successo dietro l’altro. Tra le pellicole di maggior importanza, risaltano sicuramente Quel che resta del giorno, Dracula di Coppola, Vi presento Joe Black, Hitchcock. Questi sono solo alcuni dei titoli che saltano all’occhio ma, arrivato all’età di 83 anni, la lista potrebbe essere molto più lunga e ricca. La caratteristica principale della carriera di Hopkins è il passaggio attraverso svariati generi: pur dando vita a personaggi rimasti nell’immaginario comune come Hannibal, la sua interpretazione in storie e ruoli totalmente differenti è in grado di regalare momenti di alta qualità cinematografica ancora oggi.

Carriera e premi

Per la sua profonda capacità di adattarsi a ruoli impegnativi sotto diversi punti di vista, Anthony Hopkins ha ricevuto, nel corso della sua lunga carriera, diversi riconoscimenti. Non solo l’Oscar nel 1992, ma nel 2006 ha ricevuto il Premio Cecil B. De Mille ai Golden Globes per celebrare il suo percorso artistico e professionale. Inoltre, come già anticipato, Hopkins ha ricevuto anche diversi premi BAFTA, l’ultimo dei quali nell’edizione del 2021 per la sua interpretazione in The Father – Nulla è come sembra, adattamento dell’opera teatrale Il padre del 2012. Infine, il suo nome è comparso anche nella lista dei candidati agli Oscar 2021 per poter ottenere anche qui il riconoscimento come Miglior attore protagonista: dopo quasi trent’anni dalla prima statuetta, questo secondo premio potrebbe rappresentare il prolungamento naturale di un percorso professionale costellato di soddisfazioni.

Dunque, Anthony Hopkins è al momento uno degli attori britannici a poter vantare una lunga carriera artistica ricca di successi e riconoscimenti. Si potrebbe pensare che, giunti a questo punto, l’attore abbia dato il massimo delle sue capacità. In realtà, le sue interpretazioni più recenti sembrano voler suggerire che, al di là delle esperienze passate, Anthony Hopkins sappia ancora bene come stupire.

CREDITS:

Copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il primo evento che celebra il digitale in tutti i suoi ambiti

13-16 maggio 2021
Esplora il calendario e partecipa gratis agli eventi online