Lubecca, alla scoperta della città regina del Nord

Fondata nel 1143 sulle rovine di un’antica città, Lubecca inizia la sua scalata al successo nel decennio successivo grazie a Enrico il Leone, duca di Baviera.

Il duca avvia e favorisce l’espansione commerciale della città, sviluppando il porto e permettendo la libertà di transito ai mercanti del Nord Europa.

Nel 1226 la città viene nominata “libera città imperiale” da Federico II, l’imperatore del Sacro Romano Impero; Lubecca guadagna così i privilegi commerciali che le assicurano l’egemonia nei commerci del Baltico.

Grazia all’alleanza con la rivale e vicina Amburgo, nel 1241 nasce l’Hansa, lega anseatica, e Lubecca si ritaglia subito un ruolo egemone nel dominio dei traffici del Baltico e del mare del Nord.

800px-Flag_of_the_Free_City_of_Lübeck.svg

Posizionata su un’isola dell’estuario del fiume Trave, la cittadina tedesca è un crocevia naturale e un passaggio obbligato per tutti coloro che fanno affari con l’entroterra, con la Gran Bretagna, i paesi scandinavi e la Russia.

La città regina del Nord, smercia tutti i prodotti più richiesti: sale, aringhe, miele, legname, pellicce, stoffe e ambra; ma anche cera e pece per impermeabilizzare le navi, infatti a Lubecca e nei dintorni sorgono enormi cantieri navali.

La cittadina tedesca conserva il suo ruolo di predominio fino al XVI secolo, quando flotte mercantili inglesi, olandesi e scandinave, approfittando della debolezza dell’Hansa, si impongono con forza e sottraggono a Lubecca il primato sul controllo dei commerci.

L’era d’oro di Lubecca è ormai finita ma, i magazzini, le case e gli edifici medievali del centro non hanno mai smesso di raccontare la storia della regina del Nord.

 

Credits:

foto 1: it.freeimages.com

foto 2: wikipedia.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo