sedia viennese

Sedia viennese: la rivoluzione di Michael Thonet

Le sedie viennesi o sedie in paglia di Vienna sono state, a partire dall’Ottocento, un grande successo di livello internazionale; la loro produzione si deve alla celebre azienda Gebruder Thonet di Vienna, e in poco tempo sono diventate per tutti un’icona di stile. Queste sedie sono conosciute anche con l’appellativo n.14. A tal proposito, esiste una leggenda che racconta la sua caduta dalla cima della Tour Eiffel; quello che ci sorprende è che nonostante la caduta di 57 metri non si sia infranta o distrutta al “tocco” del suolo.

https://www.instagram.com/p/CDgrY0SiiSr/

La sedia in paglia viennese nasce nel 1859, da parte dell’imprenditore Michael Thonet che si rese subito conto dell’innovazione delle tecniche di curvatura del legno, grazie alle quali si è contribuito alla creazione di un oggetto che è rimasto nella storia del design e dell’arredamento. L’estetica e il metodo di produzione della sedia n.14 hanno permesso a Thonet di vincere nel 1862, in occasione dell’ Expo di Londra, una medaglia in bronzo e nel 1867, durante l’Expo di Parigi, una medaglia in oro.

Icona di design

Negli anni nascono nuovi modelli di sedute in stile viennese, Thonet ha realizzato una vera e propria linea di sedie e arredi a cui si aggiunsero anche gli sgabelli, seggiole a dondolo e anche pieghevoli. Per i più curiosi e interessati, le sedie che sono esposte, attualmente, presso le sale del Museo MoMa di New York, non sono quelle prodotte uguali ma sono originali d’epoca. Comunque sia, il grande successo è stato immediato! Tutto ha inizio nel 1841, quando il principe austriaco Clemes Von Metternich scopre l’innovazione della tecnica di curvatura del legno. Thonet viene chiamato a Vienna e qui inizia a lavorare con la tecnica della curvatura a massello, in particolare, comincia con delle lunghe barre di legno che venivano rese elastiche attraverso l’utilizzo del vapore, e poi inarcate fino ad ottenere la forma desiderata; si poteva fare uso anche di appositi attrezzi e della forza delle braccia. Questa tecnica, e le varie creazioni che si sono susseguite, hanno suscitato molto scalpore all’epoca: era un’opera rivoluzionaria e come tale ha generato, all’inizio, sentimenti di estraneità! L’effetto però piano piano è sparito e Thonet viene chiamato per lavori molto importanti come, ad esempio, la realizzazione degli arredi del Palazzo Schwarzenberg e il Palazzo Liechtenstein.

Sicuramente le trasformazioni socio-economiche e culturali del periodo hanno aiutato la diffusione e il successo di questa sedia iconica; si diffondono gli arredi negli spazi collettivi e grande interesse era stato rivolto alla nuova tecnica di fabbricazione, grazie alla quale, per la prima volta nella storia del mobile, viene realizzata la produzione industriale in serie di una sedia. Nello specifico, la seduta in paglia inizia ad essere realizzata attraverso una filiera produttiva basata sull’idea della suddivisione del lavoro, infatti, l’arredo era scomponibile solo in 6 pezzi. Questo processo di ottimizzazione degli spazi ha permesso all’azienda di Thonet di spedire vari modelli in tutto il mondo.

https://www.instagram.com/p/BzaVMpSIXJc/

Evoluzione delle sedie n.14

Le prime sedie in paglia di Vienna realizzate da Thonet hanno subito una loro evoluzione e sono state modificate/perfezionate dai suoi seguaci. A tal proposito, gli inizi del Novecento hanno segnato una svolta molto importante nella produzione; in questo periodo molti architetti scoprirono l’importanza creativa del legno curvato utilizzandolo in genere nell’ambito dell’architettura, ed è proprio in questo contesto che nasce un forte legame tra lo stile liberty e il legno curvato. Successivamente a questo momento di grande sviluppo del design e molto creativo, negli anni Venti, arriva la fase del movimento della Nuova Oggettività e con essa nasce l’idea di creare forme non vincolate dalla manipolazione delle macchine.

https://www.instagram.com/p/Bgmtp4zB2-f/

Il fascino di queste sedie ha luogo nella loro continuità nel tempo, ancora oggi sono molto apprezzate e continuano ad avere un notevole successo a livello internazionale e commerciale; sono dei modelli che non passeranno mai di moda, hanno un loro stile e una loro personalità che si adattano a qualsiasi periodo storico e a diversi contesti di arredamento e di design. Ovviamente online ci sono tantissimi siti che si possono consultare, per chi volesse dare un’occhiata o per chi avesse bisogno di sedie per arredare la propria casa, un cambiamento non fa mai male!


CREDITS

copertina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo